BENVENUTI NEL MONDO DI


 

L'Opera d'Arte che propaga calore e illuminazione soffusa, in

un clima di benessere, diviene un progetto radionico


 
 

calorArt def_2png nasce nel 2013, con un nome diverso e come termo-arredo
innovativo, ad opera del suo ideatore, Antonio Petracca.
La struttura di calorArt è costituita da elementi modulari scatolari in acciaio, che  delimitano i pannelli frontali di vetro temperato sui quali sono riprodotte, con tecnologie di stampa digitale, forme e colori inizialmente personalizzabili dagli acquirenti.

L’ oggetto viene presentato nel periodo 2015/2017 in vari eventi nazionali e ottiene diversi consensi fra i professionisti e operatori dell’ interior design e affini.

Tuttavia, questi primi risultati non convincono del tutto Antonio il quale aveva immaginato per calorArt un connotato che si distinguesse completamente dalla massa e che infondesse negli estimatori emozionalità e sensazioni di unicità.

Nel 2018, durante un incontro a Genova, calorArt incuriosisce un gruppo di amici provenienti da disparati settori professionali, imprenditoriali e artistici e si costituisce intorno all’oggetto un vero e proprio team di lavoro, allo scopo di attribuirgli una identità unica, ispirati dall’originalità di base in esso presente.

prev next

E’ da quel momento che nasce il nuovo logo e un processo di profondo rinnovamento dell’immagine dell’oggetto le cui forme raffigurate, significati e colori vengono studiate, realizzate e integrate da un unico artista.

Si tratta di opere d’arte digitali di Carlo Busetti , ciascuna realizzata in solo 33 esemplari; fra  queste ve ne saranno anche di ispirate dallo studio della cromologia, branca della medicina naturale basata sullo studio degli effetti che i diversi colori hanno sulla psiche umana, con il fine ultimo di recuperarne l'armonia emotiva.

La retro illuminazione di calorArt, azionabile con telecomando, completa il senso di benessere emanato dall’oggetto.

calorArt def_2png  propaga, all’occorrenza, calore attraverso una resistenza elettrica e con un circolatore per scambiare l'acqua tra i vari moduli. E’ pertanto funzionante, da questo punto di vista, in totale autonomia, collegandolo a una normale presa di corrente.

Durante il percorso di affinamento di calorArt, gli amici del team hanno avuto poi l’intuizione di “informare” l’acqua del circuito chiuso, seguendo varie tendenze di studi al riguardo; queste attribuiscono alla primaria Sostanza di Vita la proprietà di recepire messaggi e di restituirne energia.  (TEST ENERGETICI PROPRIETA’ ACQUA – VALUTAZIONE METRICA DEL SUO POTENZIALE ENERGETICO)

Al riguardo si attivano due ricercatori di fama Nazionale ed Europea,  Daniele Gullà  - Consulente Tecnico Antropometrico e il dott. Marco Morelli - Specialista in Riequilibrio Neuro Motorio, Terapia EBS a campi pulsati . Vari test vengono effettuati su calorArt con le loro apparecchiature, redigendo poi una  relazione (RISULTATI ANALISI ESPERIMENTO DISPOSITIVO CALORART - Dr. Marco Morelli, C.T.A. Daniele Gullà)  ; l’acqua viene “informata”, attraverso il trattamento del bocchettone di collegamento del circuito di calorArt, per opera del dott. Marco Morelli , nel proprio laboratorio di Ferrara.

Il dott. Morelli, come lui stesso spiega, utilizza un metodo per l'informazione dei materiali assimilabile alla torre di Tesla; concettualmente si unisce l’informazione che cade dal cielo come raggi cosmici con la radiazione tellurica (dalla terra). I materiali informati assumono caratteristiche che possono essere verificate strumentalmente, in grado di riequilibrare i riflessi neuromotori, la postura e il tono muscolare.

Oggetto dal  design audace, calorArt è ispirato da concetti e ricerche inerenti alla fisica quantistica e l’informatizzazione dell’acqua.

calorArt def_2png  è  l'opera d'arte che propaga calore e illuminazione soffusa, in un clima di benessere, divenendo un progetto radionico.

 
 
 
 

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Nullam porttitor augue a turpis porttitor maximus. Nulla luctus elementum felis, sit amet condimentum lectus rutrum eget.