Mariangela Vanalli

 
 
Il sogno della giovane ricercatrice bergamasca è quello di partecipare anche in Lombardia alla creazione di una rete per l'assistenza geriatrica. 
Interessante vetrina internazionale per una giovane ricercatrice bergamasca. La dottoressa Mariangela Vanalli, trentunenne di Cisano Bergamasco, ha infatti esposto all’ottava Conferenza internazionale su metodologie e sistemi intelligenti per l’apprendimento avanzato...
(Leggi tutto l'articolo)
 
 
 

(Articolo del 22 Febbraio 2020)

 
 
 

Mariangela Vanalli, classe 1987,  è Laureata in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche presso l’Università “La Bicocca” di Milano, conseguendo il  Dottorato di Ricerca in Scienze Infermieristiche e Sanità Pubblica presso Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”;

è Project Manager Area Validazione/Qualificazione Applicazioni per ATS, ASST, EEPA ed Enti Erogatori-Diffusione Servizi sul territorio, in campo Sanitario.

è Membro dell’International Research Projects Office IN-ICT-CARE, e "Innovation Through ICT in Care Homes” presso l’Università di Granada, Spagna,

è Membro del Comitato Etico nella Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo di Pavia;

è Docente, nel Dipartimento di Medicina e Chirurgia di Monza, di un Corso di Laurea in Infermieristica e Scienze Umane e Storia della Medicina;

è revisore degli articoli di una rivista scientifica Americana “Applied Clinical Informatics” in merito alla digitalizzazione, con valore elevato   “IMPACT FACTOR 2018: 1.306”;

è autrice di diversi progetti innovativi e pubblicazioni in campo Scientifico, Sanitario e Socio-Assistenziale;

Nel 2019 è stata fra i relatori, al Senato della Repubblica, all’evento Conferenza stampa “Malattie croniche che colpiscono il 50% degli anziani”;


 

Poco dopo si rende co-promotrice del Comitato Italiano per l’Aderenza alla Terapia (CIAT) per un progetto di ricerca denominato “La gestione e valutazione dell’interoperabilità dei dati sanitari per monitorare l’aderenza terapeutica”.

Nel contempo, Antonio Petracca – incuriosito da alcuni post e articoli della giovane ricercatrice, la contatta informandola di un ambizioso progetto del quale lui è il titolare del brevetto.

Alcuni mesi più tardi, durante un evento, Mariangela incontra Petracca e Andrea Flavi; quest’ultimo le illustra il dispositivo calorArt,  un Opera d’Arte e oggetto “dal design audace”, che propaga calore e illuminazione soffusa, in un clima di benessere, ispirato da principi derivanti dalla cromologia e informatizzazione dell’acqua.

Poco dopo quest’incontro Mariangela entra nel team di calorArt, ipotizzandone il possibile utilizzo per ridurre i disturbi del comportamento e cognitivi nei pazienti con un Mini Mental Test da 19 ed inferiore a 19 o che hanno pluripatologie correlate anche con Alzheimer.

Ne conseguiranno una serie di test ed esperimenti atti a verificare la validità degli effetti ipotizzati, con la supervisione di uno Studioso di fama Internazionale, il Prof. Piergiorgio Spaggiari, che Mariangela intervista il 29 Febbraio 2020 dando inizio a una coinvolgente sinergia.

 
 
CV Vanalli 2020.pdf